Perché febbraio ha meno giorni rispetto a tutti gli altri mesi?

Il Concilio di Trento ha assunto l'adeguamento del calendario giuliano. Questo adattamento fu suggerito dal medico napoletano Aloisius Lilius. Nel 1582 questa proposta di riforma del calendario fu implementata e da quel momento fu chiamata calendario gregoriano. Il calendario gregoriano, utilizzato anche nei Paesi Bassi, ha dodici mesi. Sette mesi di questo calendario gregoriano contano 31 giorni. Quattro mesi dell'anno hanno a che fare con un totale di 30 giorni. Inoltre, c'è un altro mese con 28 giorni. Ciò riguarda il mese di febbraio. Una volta ogni quattro anni, il mese di febbraio può considerarsi ricco con un giorno in più.


Il mese di febbraio

Febbraio, chiamato anche mese di raccolta o mese bisestile, è il secondo mese dell'anno nel calendario gregoriano. Il nome febbraio deriva dal dio romano febbraio. Febbraio era visto come il dio della purificazione / malavita. Febbraio era quindi per gli antichi romani il mese della grande purificazione e penitenza.


Quantità di giorni

A differenza degli altri undici mesi dell'anno, febbraio non ha 30 o 31 giorni. Il mese di febbraio ha 28 giorni. Tuttavia, ad eccezione dei cosiddetti anni bisestili. Quando si tratta di un anno bisestile, il mese di febbraio ha un giorno in più. Nell'anno bisestile, il mese di febbraio non ha 28 giorni ma un numero totale di 29 giorni.


Anni bisestili

In origine, un anno solare non era 365, ma 304 giorni. Questi 304 giorni sono stati distribuiti su dieci mesi. L'anno è quindi iniziato con il primo giorno di primavera. Il primo giorno di primavera era quindi il 1 marzo. L'anno quindi è andato dal 1 marzo e si è concluso con l'ultimo giorno di dicembre. Quindi i mesi di gennaio e febbraio non esistevano ancora all'epoca. Si è quindi ipotizzato che il periodo invernale potesse ancora essere considerato un periodo senza mese.


Il giorno di calendario in più

I mesi di gennaio e febbraio furono aggiunti al calendario da un re romano nell'VIII secolo a.C. Ciò ha portato il numero totale di giorni di calendario dell'anno a un totale di 354/355. La situazione cambiò nel 47 a.C., quando l'imperatore Giulio Cesare fece piazza pulita. Secondo il nuovo calendario giuliano, un anno dovrebbe contare 365 giorni di calendario. Allo stesso tempo, Giulio Cesare ha poi introdotto il cosiddetto anno bisestile. Questo è stato fatto da Giulio Cesare perché un anno in realtà dura 365,25 giorni. 365,25 giorni è il tempo durante il quale la terra gira intorno al sole. Ecco perché è stato necessario aggiungere un giorno in più una volta ogni quattro anni. Si è deciso di prendere l'anno che è divisibile per quattro. In base a questa regola, ogni anno diviso per quattro ha un mese di febbraio di 29 giorni. 


Gli anni,

Tutti i mesi dell'anno hanno 30 o 31 giorni. Tranne il mese di febbraio. Questo perché Giulio Cesare si è appropriato del quinto mese del vecchio calendario. Il mese, originariamente chiamato quntilus, è stato poi ribattezzato julius. Ora chiamato luglio. L'imperatore romano Augusto sentiva che, come Giulio Cesare, aveva diritto a un mese tutto suo. Agosto si è quindi appropriato dell'ottavo mese dell'anno civile. Di conseguenza, l'ottavo mese è stato chiamato agosto. Inoltre, Augusto pensava che il suo mese dovesse durare quanto quello di Giulio Cesare. Il giorno che mancava al mese di agosto fu quindi "rubato" al mese di febbraio dall'imperatore Augusto. Il mese di febbraio, che con i suoi 29 giorni era già il mese più corto dell'anno solare, ha avuto quindi 28 giorni.

Nuova Vecchia